Il motto “giocare responsabile” è ormai immancabile ovunque si parli di gioco d’azzardo. Si tratta di un invito, di una raccomandazione, anche se c’è molto di più di quanto le parole possano suggerire. Ma cosa significa esattamente giocare responsabile, e in che modo possiamo difenderci dai rischi del gioco d’azzardo?

Il marchio “gioco legale e responsabile”

Innanzitutto, con “gioco legale e responsabile” intendiamo una dicitura imposta dall’AAMS. Si tratta dell’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, la prima garanzia in assoluto della legalità e della trasparenza di chi offre i giochi d’azzardo. Questo marchio si applica a scommesse e casinò di ogni genere, e dovresti sempre assicurarti di vederlo nei portali in cui giochi. Come puoi immaginare, nulla è più sicuro in tema di gioco  d’azzardo delle piattaforme controllate dallo stato italiano.

Per questo motivo, l’AAMS mette a disposizione tanti strumenti e regole, a cui i casinò dovranno necessariamente conformarsi, con lo scopo di salvaguardare i giocatori dal diventare effettivamente dipendenti. Vediamoli nel dettaglio:

– autoesclusione del gioco: viene applicata dal giocatore stesso, che potrà decidere in anticipo quanto potrà spendere al massimo in una settimana. I limiti sono sempre modificabili, ma entreranno in vigore dopo una settimana dalla conferma, per evitare compulsività;

– autoesclusione del conto di gioco: chi si rende conto di stare oltrepassando il limite, potrà semplicemente richiedere all’operatore la disattivazione, temporanea o indeterminata, del suo conto. Successivamente potrà riattivarlo una volta risolti tutti i problemi, ma la revoca della disattivazione non avverrà prima di 6 mesi dalla richiesta;

– per qualsiasi problema o richiesta, lo Stato ha messo a disposizione un numero verde, l’800 921 121, completamente anonimo, per combattere la dipendenza dal gioco d’azzardo;

– infine, è stato aperto il portale ufficiale sul gioco legale e responsabile, per fornire ai giocatori tutti gli strumenti necessari per rimanere “al sicuro”.

Quando dobbiamo stare attenti con il gioco?

Come tutte le dipendenze, il gioco diventa una malattia quando svolgere l’attività causa più danni che benefici. La conseguenza principale riguarda ovviamente il denaro. Chi gioca compulsivamente tenderà a spendere molto di più di quanto gli sia possibile (e spesso e volentieri a negare tempo prezioso per questioni importanti). La conseguenza sarà una persona affranta e svuotata, allontanata da amici e parenti, oltre che in gravissime difficoltà economiche.

Un ulteriore indizio della presenza di un problema è la reale volontà di smettere col gioco, puntualmente trascurata. Se ti trovi a desiderare di smettere per colpa dei problemi che il gioco ti ha arrecato, ma non ci riesci comunque, potresti essere in evidente difficoltà.

La dipendenza dal gioco d’azzardo

In Italia, si stima che l’1% della popolazione totale soffra di dipendenza patologica dal gioco d’azzardo. I veri e propri sintomi di questo disturbo sono tanti, e decisamente chiari da intuire. Resta comunque la difficoltà di parenti e amici nel capire la reale situazione della vittima.

Spesso infatti, chi gioca d’azzardo si nasconderà dai propri cari, passando più tempo a giocare che con loro, e nascondendo la sua effettiva situazione monetaria. Se ti trovi davanti una persona nervosa senza apparente motivo, con serie difficoltà nel mantenere l’attenzione verso lavoro o studio, in crescente debito e che comunque non perde occasione di puntare, ti consigliamo caldamente di intervenire.

Ovviamente, a farne maggiormente le spese saranno le persone più vicine al ludopata. Non sono rare le famiglie sgretolate dalla dipendenza dal gioco d’azzardo, con figli che finiscono per fare i conti con una realtà in tutto e per tutto paragonabile alla tossicodipendenza grave. I minori stessi corrono un rischio doppio rispetto agli adulti di sviluppare le dipendenze. Motivo per cui l’AAMS si sta mobilitando per bloccare gli accessi non autorizzati anche a slot machine e videopoker.

Giocare responsabilmente

Cioè che ci preme dire è che non se ne esce da soli. Serve una volontà ferrea, ma anche l’aiuto dei professionisti,m ma soprattutto dei più vicini. FeDerSerD (Federazione Italiana degli Operatori dei Dipartimenti e dei Servizi delle Dipendenza) è l’ente italiano che si occupa dei giocatori patologici. L’associazione offre addirittura un servizio di terapia via chat totalmente gratuito, per aiutare i giocatori più incalliti.

Gli unici consigli validi che possiamo darti, è di non giocare con la speranza di diventare ricco senza sforzi. Potrebbe essere un pensiero utile a farti evadere da una difficile realtà, ma non è assolutamente una certezza. Sono troppe le persone nel mondo che si illudono di diventare milionari con due euro, e sono davvero troppo pochi quelli che ce l’hanno fatta in questo modo. Il casinò online è prima di tutto divertimento e svago, e non dovrebbe mai essere frequentato da chi non può permetterselo, o non ha altro da perdere, se non sé stesso.